Baco Arte Contemporanea

Portfolio

Oscar Giaconia
Green Room

BACO – Base Arte Contemporanea, Via Arena 9, Città Alta, Bergamo
Sabato – Domenica: 10.00 – 13.00 | 15.00 – 18.00
Altri giorni solo su appuntamento

Inaugurazione | sabato 14 maggio 2016, ore 15.30
Sabato 14 Maggio, in occasione della seconda giornata della VI edizione di ArtDate, all’interno dell’antico Palazzo della Misericordia di Via Arena 9 a Città Alta, BACO – Base Arte Contemporanea è lieta di presentare al pubblico GREEN ROOM, la prima personale in un’istituzione italiana dedicata all’artista Oscar Giaconia.

Promossa dalla MIA – Congregazione della Misericordia Maggiore con il sostegno ufficiale della
Fondazione Credito Bergamasco, la mostra è organizzata da BACO – Base Arte Contemporanea e realizzata in collaborazione con la GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea e con l’associazione The Blank Contemporary Art.
Il progetto espositivo, curato da Stefano Raimondi e Mauro Zanchi, occupa lo spazio del Palazzo presentandosi come un ibrido tra un fondale marino, un chroma key cinematografico e il dispiegamento di una vela nautica.
Nell’esposizione gioca un ruolo di primo piano la presenza di un green screen che domina lo spazio ospitando una varietà di sviluppi possibili. Per sua natura, infatti, il green screen è un fondale in potenza, il luogo dove si esercita la post produzione, la cui finalità è differita e spostata nel tempo. A ribadire la natura interstiziale e fantasmatica dell’esposizione è il materiale stesso di questo grande telo: la salpa, prodotto in-organico generalmente utilizzato nell’industria pellettiera, la cui funzione è l’essere supporto per altri materiali. Di fatto, un sostegno invisibile.

All’interno dello schermo è stato incastonato Colon (2016), una grande scenografia che mostra i resti di un naufragio la cui texture stratificata, realizzata attraverso l’impiego di acidi, fertilizzanti, acqua marina e ossidi, richiama processi minerali sotterranei e invisibili.
Di fronte al green screen, esposta a parete, una doppia scultura-tavolo da gioco (MotherBoard, 2016), allude alla trasformazione, alla metamorfosi, offrendo una congettura sul concetto di bord.
Dal piano del tavolo fuoriescono dei tubi, che generano un fumo denso e intermittente in grado di creare una cortina che camuffa la messa in scena di un paesaggio fantasma.
Completano l’installazione Colon (FlyPaper, 2016) e Colon (Exquisitor – 2016), rispettivamente delle sculture-acquario contenenti carte istoriate immerse sott’olio e il ritratto di un nostromo/ disinfestatore. Quest’ultimo è il ricorso ad un personaggio virale e infestante, senza storia e senza tempo, già comparso in lavori precedenti e in quest’occasione precipitato dentro un’etichetta.
Oscar Giaconia
Fra le sue mostre più significative: Alea, Galleria Thomas Brambilla, Bergamo – a cura di Stefano Raimondi (2012); Ogni Cosa a Suo Tempo cap. VI, BACO Arte Contemporanea, Bergamo – a cura
di Stefano Raimondi e Mauro Zanchi (2013); Fuori Quadro, Sala alla Porta S. Agostino, Bergamo – a cura di Elio Grazioli (2013); Open MIA, BACO Arte Contemporanea, Bergamo, a cura di Stefano Raimondi e Mauro Zanchi (2015); Lo Specchio Attraversato, Ex Oratorio di San Lupo, Bergamo – a cura di Claudia Santeroni (2015); Happy Ending, FRAC Champagne-Ardenne, Reims – a cura di
Florence Derieux.
GREEN ROOM sarà inaugurata nell’ambito della VI edizione di ArtDate La Città dei destini incrociati (13 – 14 -15 Maggio 2016), giornate dedicate all’arte contemporanea nella città di Bergamo. Alle opere di Oscar Giaconia è associata la carta del Diavolo. Il programma completo di ArtDate su www.theblank.it.